icona Gutturnio Riserva Romeo 2013 92
Castello di Luzzano - Lombardia
C: 32 - E: 29 - I: 31
VP: 7.94 - QQ: 7.1 - ACQ: 7.52
iconaVedi report completo valutazioni produttore
          "Annuario 2021"
iconaAcquista Diploma
icona Tipo
Rosso
icona Tipologia
Gutturnio
icona Data degustazione
20-06-2018
icona Uve
Barbera 65%, Croatina 35%
icona Sensazioni
eccelle in fittezza questo vino: la sua liquida polpa è come crema, di frutto mora e ciliegia nera maturati dal sole in modo davvero fenomenale. Che massa, che potenza, che vivida intensità d'espressione. Una consistenza sontuosa di polpa e tannino, ben turgida nella sua poderosa espressione. L'integrità la si coglie in due aspetti. Il primo puramente olfattivo: il profumo si pone netto e dolce, connotazione sfoggiabile solo dai vini frutto di applicazione enologica tecnicamente impeccabile. Il secondo tanto visivo quanto gusto-aromatico: l'intattezza ossidativa di questo campione è davvero qualificante, vivace il suo colore quanto fragrante, polposo il suo gusto-aroma. Una mora, un nero cassis di estrema dolcezza, suadentemente sfiorato ed avvolto in veli di dolci, mentose, balsamiche spezie. Un gran vino.
icona Volume bottiglia
0,75 lt
icona Prezzo Operatore franco cantina iva esclusa
da 10 a 15 €
icona Produzione annuale bottiglie
5.500
icona Azienda
Az. Agr. M. e G. Fugazza di G. Fugazza
icona Regione
Lombardia
icona Indirizzo
Località Luzzano, 5 - 27040 Rovescala (PV)

Report vini degustati

90

Bonarda Sommossa 2019

Castello di Luzzano
06-08-2020
94

Malvasia Tasto di Seta 2019

Castello di Luzzano
06-08-2020
91

Gutturnio Vena Rossa 2018

Castello di Luzzano
06-08-2020
91

Gutturnio Riserva Romeo 2016

Castello di Luzzano
06-08-2020
90

Mesy 2016

Castello di Luzzano
06-08-2020
93

Chardy 2016

Castello di Luzzano
06-08-2020
87

Ortrugo Frizzante 2018

Castello di Luzzano
15-07-2019
90

Pinot Nero Umore Nero 2018

Castello di Luzzano
15-07-2019
91

Malvasia Frizzante Secco Ficca Naso 2018

Castello di Luzzano
15-07-2019
88

Bonarda Carlino 2016

Castello di Luzzano
20-06-2018
90

Gutturnio Frizzante Due Strade 2017

Castello di Luzzano
20-06-2018
90

Ortrugo 2017

Castello di Luzzano
20-06-2018
87

Pinot Brut Blanc de Noir Magòt 2017

Castello di Luzzano
20-06-2018
90

Malvasia Frizzante Dolce Sfacciata 2017

Castello di Luzzano
20-06-2018
84

Pinot Nero Frizzante Mago'T 2016

Castello di Luzzano
04-07-2017
86

Merloblù 2012

Castello di Luzzano
26-06-2014
85

Chardonnay Romito Anno I° 2011

Castello di Luzzano
07-08-2012
84

MagòT Pinot Nero Vinificato Bianco 2011

Castello di Luzzano
04-08-2012
80

Brut iESS sa

Castello di Luzzano
01-07-2011
84

Malvasia Colli Piacentini Secco Frizzante 2009

Castello di Luzzano
07-07-2010
87

Bonarda Oltrepo Pavese Frizzante 2009

Castello di Luzzano
07-07-2010
88

Rosso Luzzano 270 Riserva 2007

Castello di Luzzano
07-07-2010
85

Gutturnio Colli Piacentini Frizzante 2009

Castello di Luzzano
07-07-2010
83

Malvasia Colli Piacentini Dolce Frizzante 2008

Castello di Luzzano
27-03-2009
84

Ciel d'Oro 2007

Castello di Luzzano
01-07-2008
83

Barbera Oreste 2005

Castello di Luzzano
26-06-2007
80

Barbera Oltrepo Pavese Frizzante 2006

Castello di Luzzano
26-06-2007
81

Bonarda Oltrepo Pavese 2004

Castello di Luzzano
27-06-2005
74

Gutturnio Oltrepo Pavese Frizzante 2002

Castello di Luzzano
03-06-2003
77

Caplàss 1998

Castello di Luzzano
09-07-2002
73

Barbera Oltrepo Pavese 1998

Castello di Luzzano
25-05-1999
icona Telefono
0523863277
icona eMail
info@castelloluzzano.it
icona Web
www.castelloluzzano.com
icona

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2021

Rossi di fittezza eccezionale presenta il Castello di Luzzano. Una potenza e un ammontare di frutto che nel Mesy 2016 raggiungono apici assoluti di concentrazione, e che nei maestosi Gutturnio Vena Rossa 2018 e Gutturnio Riserva Romeo 2016 si associano ad una virtuosa nitidezza enologica esecutiva tale da rendere limpida l'effusione, lunghissima la persistenza del loro balsamico profilo. Di superiore piacevolezza i bianchi sviluppati quest'anno da questo produttore. Il Chardy 2016 è vino di raro spessore, di speziata suadenza e di mirabile souplesse palatale. La Malvasia Tasto di Seta 2019 è il migliore del tasting. La sua varietale, floreale uvosità risalta in questo campione non solo per la fittezza estrattiva e per la purezza della trasformazione, a conquistare è la sua fusione fra acidità e suadenza, fragranza e volvenza che sì per l'appunto setosa rende la sua performance palatale. Complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2020

Continua a crescere in valore il frutto del bicchiere del Castello di Luzzano. Non solo nelle vieppiù inossidate e terse vene uvoso-floreali della sua Malvasia Frizzante Secco Ficca Naso 2018, della sua ricca e setosa Malvasia Tasto di Seta 2018. Il miglioramento riguarda il turgore ossidativo residuo dei rossi, in violastra impennata di fragranza espressiva. Con esiti di polposità avvolgente nella marasca del Pinot Nero Umore Nero 2018, nella visciola spumosa della Bonarda Sommossa 2018. Gran vino il migliore, il Gutturnio Riserva Romeo 2015. Qui è la mora in vanigliata confettura, pur di sì maestosa tannica trama, ad esser evocata morbida, ancor sì pulsante di clorofillosa linfa d'aroma. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2019

I tersi profumi delle uve dei colli piacentini, brillano nel bicchiere del Castello di Luzzano con eccellente nitore. Cristallino nel caso della Malvasia Frizzante Secco Ficca Naso 2017: linda uva briosa s'asperge qui inossidata e floreale, nella Malvasia Frizzante Dolce Sfacciata 2017 della sua stessa dolcezza prima. Di gran fittezza e potenza nella versione Malvasia Tasto di Seta 2017, qui il suo tocco è glicerinosa seta pura. Viola e mora nella Bonarda Sommossa 2017, mai come quest'anno di polposità sontuosamente cremosa. Di rara purezza olfattiva il varietale del Pinot Nero Umore Nero 2017, a sottolinear le doti enologiche di questa cantina. Il miglior vino è infine il Gutturnio Riserva Romeo 2013. Concentrazione mirabile, gran potenza tannica gustativa con l'inossidata splendenza olfattiva della sua confettura di mora a render suadente ed elegante tal maestoso profilo. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2018

Vini sempre più profumati e integri, più densi e puri di frutto dal Castello di Luzzano. Briosità limpide delle uve nella Malvasia Frizzante Secco Ficca Naso 2016 e nella prorompente Malvasia Frizzante Dolce Sfacciata 2016. Quindi la ciliegia carnosa e la viola del Gutturnio Vena Rossa 2016, quella spumosa del Gutturnio Frizzante Duestrade 2016. Limpidezza dell'enologia esecutiva che s'avverte anche nel varietale puro del Pinot Nero Umore Nero 2016. Chiudono due vini di piacevolezza ancor superiore. La Malvasia Tasto di Seta 2016, così mirabilmente alsaziana nella sua morbida e aromatica essenza d'uva che sì densa e potente rivela. Il migliore in assoluto, la Bonarda Sommossa 2016: che gran polpa livida, vivida, grondante ancor viola ha la sua pastosa, bluastra spuma di mora. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2017

Sempre in più limpida enologica evidenza il sempre più fitto frutto del bicchiere Castello di Luzzano. Incrementi di consistenza e nitore che qualificano non poco questo espressivo bicchiere. D'aroma puro e limpido di uva nella Malvasia Frizzante Secco Ficca Naso 2015, di briosa fragranza espressiva nella Malvasia Frizzante Dolce Sfacciata 2015. Un frutto di balsamica potenza maestosa nel caso del Gutturnio Riserva Romeo 2012, di gran delicatezza speziata nel suadente Pinot Nero Umore Nero 2015. Chiudono tre grandi vini. La Bonarda Carlino 2015, tannicamente carnosa, di eccezionale spessore e di limpidissimo turgore enologico esecutivo, quindi la Bonarda Sommossa 2015, ancor più armoniosa e integra nel suo violastro, inossidato turgore. Il migliore in assoluto è il Gutturnio Vena Rossa 2015. Davvero eccezionale la linfatica, inintaccata novità del suo frutto: una mora che viola porge insertata di floreale dolcezza la sua illibata livrea. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2016

La limpidezza della mano enologica esecutiva nobilita tutta la gamma produttiva del Castello di Luzzano. Privo di fumoso e piccante sulfureo, il Gutturnio Vena Rossa 2014, altrettanto suadente e dalla inossidata forza di frutto primo, la Bonarda Sommossa 2014. E che morbidezza il Pinot Nero Frizzante Mago'T 2014, che suadenza glicerinosa la Malvasia Tasto di Seta 2014, che spumosità limpidissima e floreale irradia la Malvasia Frizzante Secco Ficca Naso 2014. Il migliore è un grande vino dacché tali doti assomma nella sua polposa suadenza d'aroma. Di mora nera e marasca pura, che spuman nettissime nella Bonarda Carlino 2014. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2015

Con la fittezza e la maturità al raccolto delle uve compositive del Castello di Luzzano, è bastato un ulteriore miglioramento delle tecniche di trasformazione che ormai il frutto limpido e inossidato s'effonde da tutte le realizzazioni. Uva pura insertata di fiore quella della Malvasia Tasto di Seta 2013, vino di suadenza e nitore davvero alsaziano. Frutto che ha veste briosa di vivida ciliegia nera nella Bonarda Carlino 2013, d'ancor più violastra marasca nella Bonarda Sommossa 2013. Della stessa nitidezza enologica esecutiva lo speziato Merloblù 2012, il più nerastro, pulsante Gutturnio Vena Rossa 2013. Il migliore del tasting è un gran vino, il Gutturnio Riserva Romeo 2011: qui per fittezza, morbidezza e nettezza, incontrastata sfolgora la vanigliata dolcezza della mora. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2014

Una viticoltura davvero rigorosa porta la consistenza media del bicchiere Castello di Luzzano all'eccellenza assoluta. Le Malvasia, in particolare il Tasto di Seta 2012 svelano estratti di alsaziana fittezza. Così la Bonarda Sommossa 2012, davvero integra nell'esecuzione enologica, che nessuna ombra fumosa vede sul suo fruttato profumo. Allo stesso modo inossidato e dolcemente pulito l'aroma del Gutturnio Frizzante Duestrade 2012. Il vino migliore del tasting è il Gutturnio Riserva Romeo 2010. Questo capace di fondere la sua carnosa e maestosa concentrazione in un gusto di gran morbidezza ed in un aroma netto, di balsamica suadenza espressiva. Doti enologiche allora che compiono il suo agronomico alto valore.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2012

Sempre fra le più limpide la mano enologica qui attiva. Vini di grande trasparenza, di integra fragranza ossidativa in bella serie dal Castello di Luzzano. Floreale tanto lo Chardonnay Romito Anno I° 2010 quanto la briosa Malvasia Frizzante Secco Ficca Naso 2010. Che visciola ciliegiosa pulita s'effonde briosa, per la ricchezza cremosa dalla Bonarda Sommossa 2010 e dall'ancor più concentrata Bonarda Carlino 2010. Mirabili in dolcezza di frutto i due Gutturnio, con il Gutturnio Vena Rossa 2010 di gran turgore espressivo. Di viva e suadente fragranza anche il Pinot Nero Umore Nero 2010. Non poteva aver nome più aderente al suo stupendo e morbidissimo aroma la Malvasia Tasto di Seta 2010. Tale la levigatezza di contatto attivata dalla sua tonda, limpidissima uva. Un vino bianco di piacevolezza impressiva da viticoltura ed enologia tecnicamente stupende. Complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2011

Il valore della nitidezza e dell'ossidativo turgore: gran dolcezza e fragranza, gran suadenza e linfaceità in ogni nitida enologica realizzazione. Frutto vivido nel bicchiere Castello di Luzzano, complimenti. Il MagòT Pinot Nero Vinificato Bianco 2009 è fra i migliori, i più puliti della tipologia in circolazione. La Bonarda Oltrepo Pavese Frizzante 2009, la Bonarda Carlino 2009, idem con in più una concentrazione da campioni. Ai vertici anche i Gutturnio, con il Colli Piacentini Frizzante 2009 di violaceo, nuovo turgore, il Gutturnio Riserva Romeo 2007 di gran vena speziata. Di specchiata nettezza enologica esecutiva, lo Chardonnay Romito Anno I° 2009: accanto alla banana c'è fiore tale il suo aromatico tersore. Vino del tasting il Rosso Luzzano 270 Riserva 2007: magnifico monte di frutto innevato da algide, e suadentissime spezie. Complimenti a Castello di Luzzano, bicchiere fra i più a punto della regione.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2010

Di là dal miglior vino del tasting, una nota dell'assaggio dei vini del Castello di Luzzano ha ancor più valore. Il profumo della sua Malvasia Colli Piacentini Secco Frizzante 2008. Priva, fatto rarissimo e virtuosamente qualificante di quella vena acetoso/sulfurea che pareva inscindibile dalla sua aromaticità espressiva. Resta solo il suo fiore, penetrante come alloro ma della dolcezza pollinare d'un fiore. Appropriatissimo il nome della Malvasia Seta 2008, tale per suadenza e sofficità di tatto e sapore. Gran ciliegia nera nella Bonarda Oltrepo Pavese Frizzante 2008, purezza cristallina dalla prugna del Gutturnio Colli Piacentini Frizzante 2008 e dalla visciola del Merloblù 2008. Poi scendono in campo le spezie, e la massima potenza viticola della natura: ecco il Gutturnio Riserva Romeo 2006, di massa nerissima, di dolcezza di mora balsamica suadentemente impressiva. Qual frutto, qual viticolo ed enologico valore nel bicchiere del Castello di Luzzano, complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2009

Castello di Luzzano merita i complimenti per l'acquisizione crescente di suadenza e d'integrità complessiva dei vini presentati all'assaggio quest'anno. Si trova splendente lo Chardonnay Romito Anno I° 2007, cremoso e avvolgente il MagòT Pinot Nero Vinificato Bianco 2007. Pura amarena dona copiosamente il Merloblù 2007, ricchissimo in spezie il Gutturnio Riserva Romeo 2004, strepitosa la dolcezza della Bonarda Carlino 2007, un campione di vitalità travolgente.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2008

Che fragola porta nella carne questo Pinot Nero Umore Nero 2006, davvero scuro nel suo fitto colore bluastro. Ancor più morbido al tocco il polposo Merloblù 2006, in pulizia e nettezza olfattiva superato dalla prugnosa essenza della Barbera Oreste 2005. Un produttore che migliora la sua linea Castello di Luzzano, bene.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2007

Bicchiere da viticoltura ed enologia di gran rango quello del Castello di Luzzano. Un più equilibrato, morbido sapore basterà a innalzare ulteriormente il suo già alto valore. È questo il caso della Malvasia Seta 2005, del rotondo Pinot Nero Umore Nero 2005. La prima, modello di riferimento anche quanto a nitidezza enologica di trasformazione, certo assieme ai Gutturnio 2005, alla vivida Bonarda Carlino 2005. Di pastosa densità mentosa lo speziato Rosso Luzzano 270 Riserva 2003, fra tutti il campione di standard, di volume nettamente superiore.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2006

Fra i tanti vini di Castello di Luzzano testati, non ve ne è alcuno meno che ottimo. Fra i bianchi svetta la Malvasia Seta 2004, tale di nome e di fatto vista la sua integra suadenza non solo olfattiva. Di rango notevole anche lo Chardonnay Romito Anno I° 2004. Gran ciliegia in tutti i briosi, con il Gutturnio Riserva Romeo 2003, il Merloblù 2004 e il Pinot Nero Umore Nero 2004, una spanna di fittezza e fragranza su tutti. Rossi che sviluppando morbidezza di sapore, attualizzeranno polposità di frutto. Complimenti per la lodevole qualità, diffusamente ottima.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2004

Si conferma ben valido il bicchiere Castello di Luzzano. Netta l'esecuzione enologica dei frizzanti Barbera e Bonarda, altrove affumicati e rustici nei profumi. Cali di pulizia solo da parte dei rossi più invecchiati. Fra i bianchi piace il frutto morbido del frizzante Romito Anno I° 2002. Di classe fra i rossi il morbido, speziato Romeo 1999, vino di rango polposo. Valido per densità e dolcezza, il dolce Ciel d'Oro 2001.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2003

Valido il Romito Anno I° 2001, chardonnay di bella suadenza. Vale il Malvasia Colli Piacentini Dolce Frizzante 2001, uvoso e tonico come un bel Moscato. Rossi tutti di polpa, tutti ben morbidi, tutti di buona speziosità. Tutti da trovare più vivi e polpanti in una veste più nuova - violacea - di frutto. Eccellente il miglioramento del bicchiere Castello di Luzzano in morbidezza, complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2002

Consistente il recupero di integrità, nettamente più puliti e più vivi i nuovi vini assaggiati. La buona polpa è invece la solita, così come l'equilibrio del sapore. Questo il lato debole di questo bicchiere (si vedano le medie), ci vuole più souplesse sia nel limoneggiante bianco, sia nei tannici rossi.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2001

Buona la pulizia esecutiva media, nettamente cresciuta. Buono il Carlino 1998, buono soprattutto il Luzzano 270 Riserva, dalla ciliegia ancora bene in tono. Vino potente e polpante. Vero è che quest'anno ho assaggiato solo la produzione di punta, ma il miglioramento è netto su questi vini. Complimenti, e forza con la suadenza, che questo bel frutto ricco, ove più morbido, genererebbe certo piacevolezza ancor maggiore.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2000

Buona la pulizia esecutiva, cioè la nitidezza dei profumi dei vini bianchi, da rinfrescare e da ammorbidire nel sapore. Mano enologica di capacità superiore confermata dall'analisi dei rossi: insolitamente puliti e nitidi in uvaggi altrove contaminati dal sulfureo. Tutta una serie di gradevoli rossi, con i frizzanti di Bonarda e Gutturnio 1998 davvero nitidi. Il più piacevole rosso è il Romeo 1996, vino di pulizia superiore, che evidenzia il punto di forza dei rossi del Castello di Luzzano: il perfetto controllo sull'amarezza tannica. Insomma, un bel bicchiere, che andrà in piacevolezza smorzandosi la forza dell'acidità dei diversi vini. Alziamo il pH, che sarà frutto. Intanto complimenti.

icona Titolare e Resp. Commerciale
Giovannella Fugazza
icona Enologo
Stefano Testa
icona Anno avviamento aziendale
1980
icona Vini prodotti
14
icona Bottiglie prodotte
100.000
icona Ettari totali di proprietá
75
icona Percentuale uve acquistate
Solo uve di proprietá
icona Vendita diretta
icona Visite all'azienda
icona Agriturismo

OCCASIONI SPECIALI

  • occasioni importanti

PIATTI REGIONALI

  • Lombardia

GENERICI

  • carne

91

Gutturnio Riserva Romeo 2016

Castello di Luzzano
06-08-2020
93

Gutturnio Riserva Romeo 2015

Castello di Luzzano
15-07-2019
92

Gutturnio Riserva Romeo 2013

Castello di Luzzano
20-06-2018
88

Gutturnio Riserva Romeo 2012

Castello di Luzzano
07-07-2016
90

Gutturnio Riserva Romeo 2011

Castello di Luzzano
26-06-2014
89

Gutturnio Riserva Romeo 2010

Castello di Luzzano
08-07-2013
88

Gutturnio Riserva Romeo 2008

Castello di Luzzano
04-08-2012
86

Gutturnio Riserva Romeo 2007

Castello di Luzzano
07-07-2010
88

Gutturnio Riserva Romeo 2006

Castello di Luzzano
02-07-2009
86

Gutturnio Riserva Romeo 2004

Castello di Luzzano
01-07-2008
82

Gutturnio Riserva Romeo 2003

Castello di Luzzano
27-06-2005
80

Gutturnio Riserva Romeo 1999

Castello di Luzzano
03-06-2003
76

Gutturnio Riserva Romeo 1998

Castello di Luzzano
09-07-2002
75

Gutturnio Riserva Romeo 1997

Castello di Luzzano
28-06-2000
74

Gutturnio Riserva Romeo 1996

Castello di Luzzano
25-05-1999